Valentino Editore - LE COLLANE EDITORIALI


Fonti e documenti
Margini del tempo
Ricerche
La coppa di Nestore
I tesori della Campania
I protagonisti
La piccola biblioteca di Ischia Oggi


Valentino Editore srl
Via Quercia 64
Casamicciola Terme
80074 NAPOLI
Tel. +39.081.985454

info@valentinoeditore.it

Mediterranea


Abbiamo pubblicato:  

Disordinata Storia della Canzone Napoletana (004)
Di Roberto De Simone
2000 L.20000

Il termine "musica napoletana" allude ad un fenomeno estremamente complesso di cui é difficile, allo stato attuale degli studi, definire i diversi livelli (còlto, mediocòlto, semi-còlto, popolare, popolareggiante) e isolare le componenti, per studiarne le interazioni, le simbiosi, le "parodie", le "ascese", le "discese". Roberto De Simone, in questo esemplare saggio, traccia un esauriente quadro interpretativo della fenomenologia della "canzone napoletana", inscrivendola nella stratificata storia musicale e socio-culturale di Napoli.

Stora. Racconti tradizionali di una comunità di pescatori in Algeria (006)
Di Bernard Sasso
1997 L.25000

Stora é una cittadina della costa algerina che sin dalla seconda metà dell'800 é stata popolata da pescatori provenienti da alcune località del Golfo di Napoli, soprattutto da Ischia, da Procida e da Torre del Greco. La pesca stanziale in Algeria non aveva prodotto, almeno fino a tutti i primi anni del XIX secolo, vere e proprie trasmigrazioni, insediamenti, comunità. La grande mobilità dei gruppi di pescatori italiani riservava a queste località il ruolo di porti d'appoggio, di aree stanziali per il periodo della lunga stagione di pesca del corallo o dei crostacei. Con l'avvento della grande epoca migratoria, Stora diviene una cittadina che accoglie numerosi pescatori emigrati dalle coste e dalle isole della Campania. I ricoveri temporanei diventano abitazioni, sorgono edifici pubblici ad opera dello Stato francese e Stora acquista la fisionomia di un paese del sud Italia popolato da uomini e da donne che parlano francese e napoletano. Con la dichiarazione d'indipendenza dell'Algeria i cittadini stranieri vengono rimpatriati e gli abitanti di Stora trasferiti a Marsiglia.E' a Marsiglia che Bernard Sasso, figlio della generazione dei coloni di Stora, registra i "vecchi" racconti tradizionali che si narravano sulle coste africane, raccogliendoli dagli anziani narratori che abitano i quartieri dei pieds noir marsigliesi. La raccolta che ne consegue costituisce uno dei pochi corpus narrativi nati all'interno delle grandi dinamiche culturali fra le diverse sponde del Mediterraneo, una silloge di racconti entro i quali si riflettono le storie degli individui e dei gruppi che hanno dato vita alla grande stagione dell'emigrazione di fine secolo.


Fiabe di mare e di terra. Narrativa popolare dell'Isola d'Ischia (005)
Di Ugo Vuoso
1995 L.15000

Le fiabe di questa raccolta sono state registrate direttamente dagli interpreti della tradizione orale dell'isola d'Ischia. Contadini, pescatori e artigiani protagonisti della storia sociale dell'Isola pre-turistica e portatori di una cultura millenaria, sono stati gli esecutori ed i fruitori di questi racconti fantastici, "perle di vetro" nelle quali per secoli si sono riflessi i loro destini ed i loro desideri. Se oggi la fiaba é considerata un prodotto culturale destinato quasi esclusivamente ai bambini, così non é stato per il passato, quando veri e propri narratori "semi professionisti" intrattenevano un pubblico composto per lo più da uomini e da donne.La "polpa" storica delle fiabe, quella che avvolge il nucleo strutturale che rende molte favole simili fra loro, si é ispessita delle esperienze e dei contesti nei quali i cunti sono circolati, sicché da questi racconti-diafani meccanismi di intrappolamento del tempo e della storia, ancora oggi, che le voci dei fabulatori tacciono e svaniscono, é possibile riottenere tracce e memorie culturali altrimenti perdute

 


info@valentinoeditore.it - Hosted on IschiaOnLine - Technical support by Metis